La sfida di Rossi sul bilancio: “Siamo stati noi a voler nominare un commissario”
giovedì 19 novembre 2020

"No al massacro sociale!", è categorico il sindaco di Brindisi, Riccardo Rossi, nella conferenza tenuta stamattina sul tema bilancio. Oggetto della discordia è la mancata approvazione dello schema di bilancio previsionale 2020/2022, con il dirigente del settore servizi finanziari che avrebbe fatto una relazione oggetto di aspre critiche da parte del primo cittadino. Questo stato di cose ha causato la nomina di un commissario ad acta che si occuperà della questione. "Siamo stati noi, anche se la legge ce lo consentiva di controdedurre, a non voler approvare l'atto e quindi a nominare il commissario. Per noi è un banco di prova, noi andiamo orgogliosi di tutto il lavoro svolto finora per il riequilibrio finanziario del Comune" - chiarisce il sindaco.

Durante la conferenza, non sono state risparmiate polemiche anche rispetto alla già citata relazione del dirigente dei servizi finanziari del Comune, che il primo cittadino ha illustrato durante la conferenza e che ha contestato in diversi punti: sui fondi statali per l'emergenza, sulle partecipate, sui servizi sociali e altro. Pioggia di critiche di Rossi anche per l'opposizione, ritenuta capace di dire "no" a prescindere, senza fare le dovute proposte. Il sindaco ha ribadito di essere orgoglioso del piano di riequilibrio avviato, di prendersene i meriti come il resto della giunta e che il commissario ascolterà certamente il dirigente dei servizi finanziari per capire il perché della sua relazione negativa e come procedere per l'approvazione dello schema di bilancio previsionale.