Rapine nelle gioiellerie del Bolognese: in manette anche due brindisini
venerdì 2 ottobre 2020

Assaltavano le gioiellerie con il volto travisato, muniti di strumenti necessari per lo scasso, in pieno giorno, spaccavano le vetrine e fuggivano via, secondo le accuse degli investigatori. Ma i carabinieri hanno già stretto le manette ai polsi dei presunti protagonisti di queste rapine aggravate: si tratta dei due brindisini Massimiliano Livera 23 anni, Arber Budani 24 anni, di origini albanesi (nato a Brindisi e residente ad Ancona), Gentian Silaj 24 anni, residente a Guiglia (Mo), di origini albanesi, e Klejdo Islamaj 28 anni, nato in Albania e residente a Guiglia. I 4, secondo l'ipotesi accusatoria, rubavano le auto da utilizzare per mettere a segno i colpi, quindi si davano alla fuga a bordo di un furgone noleggiato nel Brindisino. I giovani fermati dai carabinieri sono accusati di aver messo a segno due rapine a in estate ai danni delle gioiellerie Stroili all'interno dei centri commerciali Meridiana di Casalecchio di Reno e Le Piazze di Castenaso: i colpi hanno fruttato circa 150mila euro. Due altre rapine sono andate a vuoto.