Le t-shirt d'artista nate a Lecce conquistano Pitti Bimbo
venerdì 27 giugno 2014

Pipi & Pupu kids art wear, il giovane marchio indipendente per bambini è presente al Pitti Bimbo di Firenze. Dal 26 al 28 giugno presenterà la nuova collezione primavera estate 2015.



Animali preistorici, giraffe, principesse e creature misteriose, per una piccola galleria su t-shirt, felpe e cappelli. L'idea imprenditoriale di Pipi e Pupu, inizialmente un cult per salentini, ha prima conquistato il pubblico più vasto, anche attraverso la vendita on line, e poi il mondo della moda, tanto che da ieri è presente a Pitti Bimbo, la vetrina internazionale che ogni anno propone a Firenze il meglio dell'abbigliamento, in questo caso per ragazzi.
Si tratta di un grande traguardo per il piccolo brand leccese nato dalla passione di tre giovanissimi artisti-imprenditori grazie al progetto Principi Attivi della Regione Puglia. 

Il marchio ha visto nelle prime tre collezioni la collaborazione con gli illustratori leccesi Efrem Barrotta, Vincenzo Zichella e Francesco Maggiore, mentre la collezione primavera estate 2015 coinvolge quattro nuovi giovani illustratori italiani ed è composta da 4 nuove serie: Under the sea, illustrata dall'artista italo-giapponese Philip Giordano, premiato di recente all’International award for Illustration di Bologna. Monstruos, dalla toscana Ilaria Guarducci (giovane illustratrice d’infanzia e illustratrice del libro “A spasso con gli alieni”) e Princess & Princesses, illustrazioni di Ilario Albano e Simone Miri (giovani illustratori di libri e cartoon).Tootyfruity, magliette in cotone organico maltinte a freddo con colori naturali, e con essenze di frutta per creare un’immagine super fresca e bio.


Pur facendo il suo ingresso nel mondo della moda, Pipi&Pupu resta un marchio di abbigliamento per bambini che non segue i trend ma si concentra totalmente sulle illustrazioni e sui concept che di volta in volta vengono proposti agli illustratori scelti per svilupparli con le loro creazioni. Stefan Labuschagne, sudafricano trapiantato a Lecce, anima del marchio assieme ad Alessandra Zizzi, ricorda che “quando abbiamo vinto Principi Attivi nel 2010 non avremmo mai immaginato che un giorno il nostro marchio potesse essere riconosciuto e accettato dal comitato creativo del salone ormai più importante d'Italia e d'Europa per le tendenze dell’abbigliamento bambino”.

Un progetto all’inizio non classificabile nella moda, ma crescendo e verificandone le potenzialità, “la nostra strada” aggiunge Labuschagne “si avvia verso quello che il mercato richiede oggi, cioè il rinnovamento con ogni stagione e una collezione composta da più tipologie merceologiche”.

Pipi&Pupu ha come line guida il rispetto per l’ambiente utilizzando per le proprie collezioni unicamente cotone organico certificato unito alla creatività di illustratori per l’infanzia e proprio per questo la nuova collezione nella prestigiosa fiera fiorentina sarà esposta nella sezione EcoEthic - uno spazio dedicato al cotone organico, l’ecososteniblità e marchi etici assieme ad altri marchi provenientu da tutto il mondo. Al cuore del progetto dunque c'è la creatività degli illustratori per l’infanzia con la loro grande capacità di portarci in mondi che grandi e i piccoli sognano disegnando abbigliamento e accessory per bambini come t-shirt felpe, tute, costumi da bagno, gonne, leggings e cappellini. Un piccolo miracolo nato dalla tenacia dei tre giovani creativi che hanno colto grazie alla lungimiranza del progetto Principi Attivi, la possibilità di fare della propria passione un lavoro vero e proprio. Teniamoli d’occhio!